Perché miscelare gli oli essenziali

L’arte dell’Aromaterapia consiste nel combinare vari oli essenziali per trattare problemi specifici. E’ un’abilità individuale che determina la creazione di una miscela unica.

Gli oli essenziali sono sostanze che lavorano in armonia con il corpo e, potenzialmente, hanno effetti di grande portata. Un olio, da solo, ha determinate proprietà e impieghi medicinali, ma quando vengono miscelati due o più oli, si verifica una reazione chimica e gli oli si combinano in un composto nuovo. In una miscela appropriata, le proprietà di ciascun olio vengono valorizzate e la nuova composizione può essere d’ausilio per una serie di altri disturbi.

La sinergia deriva dalla miscelazione degli oli essenziali che si integrano in modo da intensificare l’effetto complessivo. Gli oli essenziali che si miscelano bene vengono definiti sinergici.

Sulla base di questo principio, gli oli essenziali possono essere miscelati e modificati da un trattamento all’altro, in base alle esigenze della persona, in un particolare momento. Per creare una sinergia potente, è necessario deve tener conto non solo dei disturbi trattati, ma anche della causa del disturbo.

Infine, quando si crea una miscela, è necessario tener conto della volatilità di un olio essenziale, cioè la sua velocità di evaporazione, descritta in termini di “note”. Ogni olio essenziale ha una propria gamma di note di testa, di cuore e di base, benché ce ne sia sempre una che tende a dominare e, pertanto, la manifestazione delle note varia in modo considerevole (per maggiori informazioni: La Piramide Olfattiva, Le Note) ed influenza la miscela da usare.